Viaggi con bambini: cosa mangiare all'estero


Care Mamme Svaligiate, vi state rosicchiando le unghie fino alla seconda falange perché temete che il vostro pargolo durante il soggiorno all'estero morirà di fame?
State serene che vi spiego io come riportarlo a casa felice ben pasciuto!

Partiamo dalla certezza che se il nostro bambino che a casa mangia solo omogeneizzati  fatti da voi con verdure provenienti dal vostro orto, cotte al vapore... beh, in viaggio sopravviveranno benissimo assumendo ramen bollente in un losco bugigattolo di Tokyo nord. E intendo, ravanando con le mani, eh!


Le pippe mentali sono solo nostre! Praticamente sempre! 
I nostri nanetti saranno sereni se noi saremo serene, e non moriranno di fame durante una vacanza (perché nessuna di noi fa vacanze così lunghe, ohibò!) quindi tanto vale non farsi pippe mentali e partire easy, senza timori assurdi, così da goderci la vacanza e non frantumare i maroni a chi è con noi.

Niente potrà fermarci se partiremo armate di un termos che riempiremo con acqua calda, bustine di passato di verdure liofilizzate, qualche confezione di pastina, cubetti di Grana, bottiglietta di olio extra vergine, cucchiaini e piccole grattugie con cui "spatasciare" la frutta comprata in loco ed infine omogeneizzati (io mi portavo dietro quelli fatti da me, con la verdura bio del nostro orto... ehmmm, per dire su quali livelli di rilassatezza viaggiavo io...).


Poi comunque, mie adorate Svaligiate, ricordate sempre: a mali estremi... estremi rimedi!
ZAAAC! Birretta?









Potrebbe interessarti anche: