Un Sacher Vienna: bambini in viaggio


                                                 

Vienna.
Cinque giorni.
Relax.
Tanti chilometri e tanta gioia masticando la Sacher.
Città elegantissima, probabilmente la capitale più pulita che io abbia mai visitato in Europa.
Snitzel da urlo: stesso urlo che farete al successivo controllo del colesterolo HDL.
Mezzi pubblici efficientissimi ed economici.
Patria di Klimt e residenza degli Asburgo: abbiamo goduto dei lasciti di entrambi.
Ecco la nostra Vienna in pillole, gli irrinunciabili di Emilia, che mica abbiamo tempo da perdere noi mamme!



- Prater, ecco il luogo dove si torna piccine, dove si sorpassa la nostra creatura in fila per comprare lo zucchero filato, dove si sale sulla ruota panoramica
(M Praterstern)
                         
         
Inoltre c'è una giostra con veri cavallini: tanti pony su cui far salire i nostri pargoli, che girano in tondo: vi giuro, un vero incanto!
                                               

- Ringstrasse, la via dello shopping, dove naturalmente non compreremo nulla, ma dato che guardare non costa niente...guardiamo e compariamo il costo di quelle scarpe con biglietti aerei e soggiorni  a spasso coi nostri amati pargoli. Perché tanto facciamo tutte così, giusto?
A pochi passi troviamo lo Stepansdom, entrata gratuita e monumentale stupore: giratina rapida e via subito fuori a cercare le ottime 'palle di Mozart'
(M Stephhanplatz)
                                                 

- Schonbrunn, favoloso! Valutate l'acquisto dei biglietti cumulativi e poi via di audioguide (anche in italiano) e godetevi le magnifiche sale, gli arredi e i gustosi aneddoti sugli Asburgo.
State pronte: sulla sala in cui Mozart bambino suonò per l'imperatrice Maria Teresa, arriveranno i brividoni!
Lì accanto il bellissimo Zoo, con i panda, tanto spazio per gli animali e dei favolosi carretti in legno da prendere gratuitamente all'entrata, dentro cui posizionare le creature e trascinarli in giro per lo zoo
(M Shonbrunn)
-  KaiserappartementsMuseo di Sissi, per chi come noi in famiglia è afflitto da figlie con principessite acuta: piacevole e avrete aneddoti da ricordare per mesi...
(M Herrengasse)
Café Sacher, un intramontabile classico, fettina della famosissima torta con ciuffetto di panna.
Camerieri simpatici, bel localino. Proprio uscendo sulla sinistra troverete una lapide commemorativa per indicare la casa in cui è morto Antonio Vivaldi; poco più avanti altra lapide commemorativa " qui giacciono i propositi di dieta di Emilia", ma alla Sacher non si resiste!
(M Karlsplatz )
                                         

- Oberes Belvedere e il bellissimo Giardino del Belvedere.
mmmhhh...  da appassionata d'arte e da donna felice di ammirare la più grande collezione di opere di Klimt, posso dire che non so se la galleria del Belvedere valga il costo del biglietto.
I parchi che lo circondano sono invece di una sublime bellezza.
(M Belvedere)
                                     


VOLO, Easyjet Roma - Vienna
150 euro
HOTEL, An Der Wien, consigliatissimo! vicino alla metro, zona silenziosissima, pulitissimo, personale gentile (la piccola è tornata a casa con un miliardo di peluche avuti in dono dalla receptionist), ottima prima colazione.
400 euro per 4 notti .
METRO, BUS, MUSEI: se soggiornate più di 2-3 giorni e avete intenzione di visitare più di un museo, consiglio la Vienna Card.

( I prezzi sono relativi all'intera durata del soggiorno, x 2 adulti ed una 6enne ).





Potrebbe interessare anche:

Berlino a gennaio: un freddo porco!

Giappone non ti temo: Tokyo con nanetta

Bruxelles: un fine settimana wow!