Mamme e gruppi WhatsApp

La mamma lo fa meglio.
Cosa? tutto.
Facciamo meglio tutto.

Siamo fighe a bestia: con una mano sbattiamo le uova, con l'altra facciamo un cestino di parmigiano, con la bocca regoliamo il gas sotto la pentola dell'acqua, con il piede dondoliamo la pupetta, con il lato destro del cervello inventiamo una love story tra my little pony e Milo Cotogno, mentre con il sinistro ripetiamo le tabelline e la tavola periodica (la tavola periodica non serve direttamente ai pupetti, ma solo per darci un tono con il marito).
Il marito che, nel mentre, ti fissa assieme al cane.
Dal divano.
Ma lo fa con quegli occhioni scuri e profondi che ci hanno fatto decidere di volere lui come compagno di vita, tanti anni fa (parlo del cane, naturalmente).

Dicevo, non c'è nulla che ci può fermare, siamo come Superman (infatti nelle cabine riusciremmo a fare numeri indescrivibili, se ci fossero ancora la cabine...), solo che come Superman anche noi abbiamo la nostra criptonite: i gruppi whatsapp!
Sono l'unica cosa che ci può fermare!

E i gruppi WhatsApp si dividono in due categorie:
- i gruppi "uuhhhh ...che palle!
tanto non vi leggo, al massimo ogni tanto posso mettere una faccina che ride", sperando di non metterla a cazzo, dopo l'annuncio della morte del gatto di una delle mamme partecipanti.
- i gruppi "uuhhh! amiche! siete meravigliose! siete i miei idoli!ma come fate a scoprire tutte queste cose interessanti sul tempio Sensoij a Tokyo? E in più con i nani, uno col cagotto e l'altra con la  tosse, mentre lavorate 11 ore al giorno?"



Però il problema dei gruppi in cui avete incontrato le vostre 8 anime gemelle, con le quali avreste voluto convolare a nozze e fuggire in un kibbutz, è che il gruppo WhatsApp in realtà è un buco nero che assorbe tutte le vostre energie e il vostro tempo:
iniziate scrivendo una belinata e quando avete finito di leggere le genialate delle altre mamme gruppo/dipendenti, vi ritroverete con i capelli bianchi e una ruga che prima non c'era.

Ma il peggio deve ancora venire, perché lo scotto maggiore lo pagano i nostri nani: proprio oggi una povera creatura innocente è finita a vagare per casa senza mutande mentre la mamma era stata assorbita dal buco nero/gruppo whatsapp, convinta invece  di averla vestita di tutto punto con trine e merletti.

I mariti, tutti e aiutatemi a dire tutti, passano da un'iniziale gelosia ad un successivo odio/fastidio mal celato, per quelle che lui ha capito essere le vostre vere anime gemelle.



Fatevi dù risate anche con:

Sex and the holidays

Il saggio di danza: drammi materni

Vacanze al mare con bimbi: l'anti relax!

Mogli che organizzano viaggi e mariti che remano contro