A scuola: il resoconto dei viaggi!


Diciamocelo: ogni mamma con i figli in età scolare si caga in mano pensando a come comunicare alle maestre che i loro provetti scolari salteranno giorni di scuola.
Tutte.

Io per menarmela col fatto che "il viaggio è un'esperienza culturale, segnante e arricchente", "un'apertura verso nuove culture" e un " insegnamento di amore e rispetto verso il prossimo", 
e quindi non essere logorata da sensi di colpa per far perdere giorni di scuola alla creatura, 
prima della partenza inizio a imparare con la mia pargola le parole base per la sopravvivenza nella lingua del Paese che andremo a visitare.
Questo mi riempie di ingiustificata vanagloria e per mesi imperterrita auguro la buonanotte in russo o ringrazio in giapponese ogni volta che la mia pupa va a nanna o mi aiuta a sparecchiare.
Fin qua tutto bene.

Poi, puntuale come il ciclo quando siete alla Maldive, giunge il momento del rientro a scuola dopo il viaggio/esperienza culturale segnante arricchente, etc etc.

Il momento supremo in cui la maestra chiede al vostro piccolo grande amore:
"Cosa ti è piaciuto in questo viaggio?"
 ...e qua le risposte possibili appartengono a due grandi categorie: 
1. la categoria del "boh...non so, tutto bello", che fa pensare alla maestra che la creatura sia stata narcotizzata e poi chiusa nel bagagliaio dell'auto mentre voi ballavate nude sulle spiagge dell'Algarve
2. la categoria dello "sputtaniamo la mamma", in cui i nostri ingenui rampolli raccontano, con dovizia di particolari, l'episodio più ignobile, imbarazzante e indecoroso a cui abbia assistito in 24 giorni di vacanza.
L'unico eh, sia chiaro! Ma proprio quello verrà narrato alla maestra e a tutti i compagni di classe che, infervorati ed entusiasti,  ascolteranno a occhi sbarrati per concludere poi con cori da stadio e applausi commossi.

Sappiatelo, funziona così.


Nella foto il resoconto di mia figlia del suo soggiorno a Berlino:
Eastside Gallery? NO!
DDR Museum? NO!
Porta di Brandeburgo, illuminata nella fredda e silenziosa notte berlinese? NO!
Crociera sullo Sprea? NO!
Bensì "Il signore ubriaco nella birreria bavarese, che poi vomitava fuori dal locale in maniche corte con -17"

PERRRRFETTO!
👍



Potresti ridere anche leggendo:

Mogli che organizzano viaggi e mariti che remano contro

Vacanze al mare con i bimbi: l'anti relax

Sex and the holidays

Prima di un viaggio: il fattore topo Gigio

Il passaporto delle mamme

"These cocks theory": teoria di sopravvivenza per mamme

Il saggio di danza: drammi materni