Assisi: cultura, pace e natura con bambini

Care Mamme Svaligiate,
starete pensando "ma che è 'mbriaca Emilia a scegliere un titolo del genere?"
Ebbene no mie care, credetemi 'Si può fare!' (citazione cinematografica da uno dei miei film del cuore, caffè pagato a chi la riconosce).

Siamo rimasti ad Assisi per tre giorni.
Tre giorni rigeneranti.
Nonostante la presenza della pargola... giuro!


Ecco cosa mi sento di stra-consigliarvi:

- Visita alla Basilica di San Francesco: un luogo dalla commovente spiritualità, dove anche una ateaccia come me si è fermata, ha toccato le pietre della Tomba di Francesco e ha lasciato andare un pensiero commosso.
Saranno i sorrisi dei frati che girano per la Basilica, saranno le teste flesse dei fedeli raccolti in preghiera, sarà trovarsi di fronte a un vero e proprio miracolo effettuato dai restauratori dopo il crollo degli affreschi della volta della prima campata o sarà trovarsi al cospetto di uno dei tre cicli pittorici, a mio parere, più conturbanti della storia dell'arte, ma per me questo è un luogo che almeno una volta nella vita va visto.
Assolutamente.
Gli Affreschi di Giotto: toccanti e mirabili.
La Basilica di San Francesco è suddivisa in tre parti: la Cripta, la Chiesa Inferiore e la Chiesa Superiore: quindi scarpe comode e via di scalinate (sulle quali io sono inciampata un paio di volte, ovviamente).
Mia figlia ha amato particolarmente la Sala che contiene le Reliquie di San Francesco, non riuscendo proprio a farsi una ragione del fatto che non avesse né un paio di leggins bellini, né una maglietta con le paillettes che cambiano colore a seconda di come le giri, ma tant'è...
(alle 10.30 e alle 15.30 visite guidate di circa un'ora e mezza con frati Francescani)



- Appena fuori dalla Basilica Superiore, guardando il giardino, sulla sinistra troverete un arco: da lì si entra nel Bosco di San Francesco (vedi foto qui sopra).
Un vero e proprio bosco costellato di opere d'arte (parliamo di artisti come Michelangelo Pistoletto, mica ciufoli, eh!), voluto, tutelato e gestito dal FAI (Fondo Ambiente Italiano) dove si potranno fare due percorsi non impegnativi anche per bimbi, della durata rispettivamente di un'ora e di due ore circa, restando sempre immersi nel verde e con tantissime panchine dove poter sostare, prima di arrivare ad una osteria o al Terzo Paradiso di Pistoletto!
(qui sotto la campana che unisce le principali religioni, che si trova ad inizio percorso)




Per info: www.boscodisanfrancesco.it e www.fondoambienteitaliano.it

- Passeggiare per le vie di Assisi, stando pronti a sfoderare i vostri migliori sorrisi, perchè tanti ve ne verranno regalati: l'atmosfera di pace qui è tangibile!




Assisi Underground: una bella occasione per visitare con una guida il Foro Romano, il Tempio di Minerva, il Museo Archeologico e due Domus romane scoperte casualmente e in tempi recenti, sotto l'Assisi medievale.
A mia figlia sono piaciute particolarmente le visite delle antiche abitazioni romane: sia la Domus di Sesto Properzio (prima foto qui sotto), posta sotto la cripta di Santa Maria Maggiore, che la Domus del Lararium (seconda foto), con le sue bellissime pareti rosso pompeiano decorate con storie di vita familiare,  composta di ben 13 stanze e di un peristilio, ma non tutte visitabili purtroppo.
(costo 10€ adulti e over 8 anni; da 6 a 8 anni 8€; gratis da 0 a 6 anni. Per prenotazioni 075.8138680)





Molto belle anche la Porziuncola in Santa Maria degli Angeli e la Rocca Maggiore.
A noi sarebbe piaciuto moltissimo poter fare un percorso guidato sui luoghi della vita di San Francesco: credo che nessuna altra figura religiosa al mondo abbia un appeal così forte sui bambini come il poverello di Assisi, ma purtroppo non è presente nulla del genere: peccato!
Speriamo per la prossima volta ad Assisi!





Ti piacerà leggere anche:

Mogli che organizzano viaggi e mariti che remano contro

A scuola: il resoconto dei viaggi

Mamme che scelgono mete di viaggio adatte ai bimbi

Sex and the holidays

Il flagello dei viaggi i bambini randagi

Siena: gita a Palazzo Pubblico

Terme libere in provincia di Siena

Liberazione di tartarughe marine nel Gargano