Cosa fare prima di partire per il Canada: elenco completo!

Care Mamme Svaligiate,

vi spiego quello che dovrete fare prima di partire per il Canada, passo passo, condividendo tutto quello che ho fatto io per organizzare al meglio il nostro viaggio nel secondo Paese più esteso al mondo, per organizzare in autonomia, e risparmiando, il vostro viaggio per tutta la famiglia:

-  come prima cosa richiedete l'eTA, senza la quale non vi sarà permesso neppure imbarcarvi sull'aeromobile con destinazione Canada!
Infatti dal marzo 2016 è indispensabile ottenere questa autorizzazione: non si tratta di un vero e proprio visto, senza il quale però si resta in aeroporto, perfino se il volo è solo con scalo su suolo canadese, quindi occhio!
Controllate che il passaporto abbia una validità residua sufficiente perché l'eTA è collegato al numero di passaporto e non nominativo.
Qui spiegato passo passo Come richiedere l'eta per il Canada, ovviamente dal sito ufficiale (ergo, il più sicuro ed economico)

- monitorate i voli! 
Noi avevamo trovato un'offerta stupefacente verso gli USA, con scalo a Montreal, quindi pensavamo di trovare un'offerta altrettanto allettante con meta finale una città qualsiasi del Canada...
Beh, manco per il ciufolo! Ma ormai avevamo deciso di visitare il Quebec e non potevo buttar alle ortiche la bellezza di 35€ di Lonely Planet già acquistata (li mortè...) senza quagliare questo nuovo viaggio, così eccoci qui a organizzarlo!

- fiondatevi su Booking per fissare gli hotel: se il vostro viaggio sarà in alta stagione la disponibilità, soprattutto nelle zone rurali dei Parchi naturali è limitata!
I costi più elevati io li ho trovati a Quebec City: vi racconterò volentieri le nostre esperienze, sperando di potervi evitare qualcuna delle bettole inenarrabili nelle quali, di solito, mi imbatto.
Noi ci siamo trovati meglio nei B&B che negli hotel: pulitissimi (come mai trovati altrove), con ottime colazioni e la possibilità di chiacchierare con persone simpatiche.
Per farvi quattro risate leggetevi questo: Le recensioni degli hotel: idoli in viaggio

- noleggiate un auto: le distanze sono imponenti e gli spostamenti sono praticabili in reale autonomia solo spostandosi in macchina.
Ovviamente sempre massima attenzione ai sistemi di ritenuta, perchè sulla sicurezza dei frugoletti in automobile non si scherza mai, e oltretutto in Canada fanno dei mazzi tanti a chi non rispetta la regolamentazione, che varia da provincia a provincia.
Io e il mio consorte abbiamo lasciato un rene cadauno agli amici della hertz, ma volevamo affidarci ad una compagnia solida e rinomata.

la patente internazionale (per un breve periodo, variabile da una provincia ad un'altra) non è obbligatoria ma è consigliata dal sito della Farnesinaviaggiaresicuri, ergo, nel dubbio e consci del nostro proverbiale didietro, noi ce ne siamo muniti.

- cambiate valuta locale (ovvero i dollari canadesi) se, appena atterrati,  non volete sentirvi come i Righeira nel 1983, anno di pubblicazione della clamorosa e struggente (...) "no tengo dinero".
Noi abbiamo monitorato a lungo le variazioni del cambio tra l'euro e il dollaro canadese, così da sperare di cambiare in un momento favorevole (a riguardo consiglio a tutte di sposarsi con un uomo laureato in discipline economiche, così almeno questo aspetto se lo smazza lui, a proposito: grazie Gio, ti amo sempre come il primo viaggio!)

- preparatevi ai micidiali moscerini! Vi giuro, non immaginavo nulla del genere: infatti dopo il rientro dal Quebec nelle situazioni sgradevoli non dico più che "è come avere un gatto attaccato ai maroni" ma che "è come passeggiare nei parchi naturali cosparsi di italico antizanzara", infatti le tre confezioni di repellente acquistati prima della partenza non sono serviti a una beata mazza.
Lasciate dunque ogni speranza o voi che state per partire per i parchi nazionali e, alla primissima occasione, comprate una confezione formato famiglia di santissimo repellente canadese (lo troverete sia nei supermercati che nelle biglietterie/souvenir shop dei parchi nazionali): senza non si sopravvive in prossimità di laghi e vegetazione, se non facendo come i signori della foto qui sotto...


- iniziate a risparmiare per il prossimo viaggio in terra canadese: è un luogo che vi incanterà e probabilmente vorrete ritornare: detta così pare una fregatura ma vi garantisco che è pura meraviglia!

- un paio di giorni prima della partenza, non di più em racumand, smalto semipermanente e ceretta/luce pulsata, per non rischiare di essere scambiate per un urisde dalle unghie trascurate: sia mai!



Dai, leggi anche:

Quebec: curiosità e tutto quello che dovreste sapere

Cosa fare prima di partire per New York

Come richiedere l'esta per gli usa

Dublino: tre giorni con bambini

Tre giorni a Cracovia con bambini

Russia: Mosca e San Pietroburgo con bambini









Commenti